Attrice

Kim Novak: Bio, altezza, peso, misure

Meglio conosciuta dal pubblico per i suoi ruoli come Judy Barton nel thriller classico di Alfred Hitchcock Vertigo, come Marjorie "Madge" Owens nel film Picnic del 1955, come Molly nel film del 1955 L'uomo dal braccio d'oro e Moll Flanders in Le avventure amorose di Moll Flanders. Kim Novak è nata Marilyn Pauline Novak il 13 febbraio 1933 a Chicago, Illinois, figlia di Joseph e Blanche Novak. Lei appartiene a discendenza ceca. Ha sposato il Dr. Robert Malloy nel marzo 1976. In precedenza era stata sposata con Richard Johnson.

Kim Novak

Dettagli personali di Kim Novak:

Data di nascita: 13 febbraio 1933

Luogo di nascita: Chicago, Illinois, USA

Nome di nascita: Marilyn Pauline Novak

Soprannome: The Lavender Girl

Segno zodiacale: acquario

Professione: attrice

Nazionalità: americana

Razza / etnia: bianco / ceco

Religione: cattolica romana

Colore dei capelli: biondo tinto

Colore degli occhi: verdi

Orientamento sessuale: etero

Statistiche del corpo di Kim Novak:

Peso in libbre: 125,6 libbre

Peso in chilogrammi: 57 kg

Altezza in piedi: 5 ′ 6 ″

Altezza in metri: 1,68 m

Forma del corpo: clessidra

Misure del corpo: 35-23-36 pollici (89-58-91 cm)

Dimensioni del seno: 35 pollici (89 cm)

Taglia di Vita: 23 pollici (58 cm)

Dimensione fianchi: 36 pollici (91 cm)

Taglia di reggiseno / Taglia della coppa: 32C

Misura piedi / scarpe: 8.5 (US)

Taglia del vestito: 4 (US)

Dettagli della famiglia Kim Novak:

Padre: Joseph Novak (insegnante di storia, impiegato di transito)

Madre: Blanche Novak (operaia)

Coniuge / Marito: Robert Malloy (m. 1976), Richard Johnson (m. 1965-1966)

Bambini: *

Fratelli: Arlene Novak (Sorella)

Kim Novak Education:

William Penn elementare

Farragut High School

Wright Junior College

Fatti di Kim Novak:

* Ha fatto il suo debutto cinematografico in The French Line.

* Ha lavorato come addetta alle vendite, assistente dentale e operatore di ascensori.

* Nel 1995, è stata inserita al 92 ° posto nella lista delle "100 stelle più sexy nella storia del cinema" dalla rivista Empire.